Michał Futro di Adventure Truck di Lubon (Poznan) – Bastava rispondere alle nostre richieste di riepilogo dei conti e rimborso dei soldi percepiti per lavori non fatti o componenti non montati. Se non rispondi, scappi e pensi di fregare le persone con le tue storielle, non hai ben chiaro come una persona deve comportarsi! Ti abbiamo anche aiutato e ti siamo venuti incontro ma ci hai definitivamente mancato di rispetto. Bisogna avere rispetto delle persone e non ci si può nascondere dietro bugie e scuse. Bisogna fare gli adulti e assumersi le responsabilità! Chiunque abbia fatto errori all’interno della tua azienda, è tua responsabilità, sempre e comunque! Questi i fatti, aspettiamo ancora la tua risposta:

Se sei capitato su questa pagina, probabilmente starai cercando informazioni su Michał Futro o la sua azienda Adventure Truck di Lubon (Poznan). Purtroppo siamo stati costretti a condividere la nostra esperienza con il costruttore Michał Futro, nella speranza di evitare ad altre persone la stessa situazione. A settembre 2021 acquistavamo il nostro Mercedes Vario affidandoci ai servizi di Michał Futro (AT Sp. z o.o. – NIP: 5993262729 – KRS: 0000952130). Una volta trovato l’accordo contrattuale abbiamo effettuato il pagamento del primo anticipo per iniziare i lavori. Fin da subito ci sono stati una serie di ritardi, che però abbiamo considerato fisiologici. Piano piano ci siamo spazientiti, ma durante le nostre visite all’azienda il signor Michał Futro ci mostrava con passione e fierezza gli avanzamenti e le materie prime acquistate….

Durante questa fase dei lavori e un po’ preoccupati degli avanzamenti lenti, scopriamo che un cliente ha lasciato un commento molto negativo sulla pagina facebook di Adventure Truck, dove accusano Michał Futro di essere un truffatore. Allarmati dalla situazione decidiamo di contattare la persona che ha lasciato il commento negativo, per farci spiegare cosa è successo. Dopo aver ascoltato la sua versione, contattiamo Michał Futro chiedendo anche a lui la sua versione dei fatti. In questa fase veniamo tranquillizzati da Michał Futro che tenta di spiegare le sue incomprensioni con il cliente e che data l’impossibilità di continuare i lavori con lui, hanno deciso di interrompere la collaborazione.

Michał Futro cerca in ogni modo di tranquillizzarci e ci comunica anche che è in procinto di traslocare in un’altra sede, in quanto insieme ad altri soci, stanno investendo sulla sua attività e progettano di ingrandirsi e diventare leader nel settore. Ci garantisce anche che nonostante gli spostamenti e i ritardi prevede di finire tutti i lavori per l’estate.

A inizio Maggio 2022 siamo stati nuovamente in visita a Michał Futro e questa volta siamo nella sede di Villa Truck Adventure (la nuova azienda fondata con altri soci). A primo impatto, siamo rincuorati dal fatto che la sede e il contesto sembrano professionalmente cresciuti rispetto alla vecchia azienda. Il fatto di strutturarsi e ingrandirsi ci ha ispirato rinnovata fiducia nonostante i ritardi sulla tabella di marcia. Di avanzamenti, rispetto alle foto ricevute a febbraio, sono quasi nulli ma nuovamente ci viene confermato e garantito che a settembre 2022 tutti i lavori saranno finiti.

Durante la visita di maggio, aggiungiamo ulteriori dettagli e componenti al progetto, facendo sempre presente lo stringersi dei tempi. In questa fase abbiamo nuovamente fatto presente a Michał Futro che essendo questo progetto a tutti gli effetti la costruzione di una casa, dovevamo avere certezza delle tempistiche per lasciare la nostra abitazione.

Successivamente nonostante le continue chiamate e solleciti abbiamo notato un ulteriori e deciso rallentamento dei lavori, nonostante l’anticipo dei pagamento e tutti gli accordi e assicurazioni ottenute. In questa fase ci siamo accorti delle numerosi omissioni o bugie circa lo stato degli ordini delle materie prime. Michał Futro è iniziato a diventare elusivo e iniziavamo a perdere totalmente la fiducia nei suoi confronti.

Solo ad Agosto 2022 ci inviava qualche foto di lavori ma non facendo mai menzione di problemi o ritardi, nonostante il mezzo dovesse essere già finito e ultimato. Ad ogni telefonata Michał Futro cercava, con le sue numerose bugie, di tenerci tranquilli.

Ad Ottobre 2022 ci rechiamo nuovamente presso la sede di Villa Truck Adventure per verificare lo stato dei lavori. Appuriamo che ancora mancano tantissime cose della fase 1 e che la fase degli impianti  a mala pena iniziata. Non ci vengono mostrati i componenti ordinati, nonostante secondo e dichiarazioni false di Michał Futro, erano già presenti nella seda Villa Truck Adventure. In questo incontro Michał Futro garantiva nuovamente la consegna del mezzo finito entro fine anno e noi gli notificavamo il fatto che non avremmo più avuto casa e che mi sarei licenziato dal mio lavoro a partire dal 31 dicembre.

Nonostante tutti i ritardi e le bugie decidiamo di non interrompere il rapporto per cercare di trascinarci alla conclusione e torniamo nuovamente in Polonia presso Villa Truck Adventure il 19 dicembre. Rispetto ad ottobre sono stati fatti pochi lavori ma soprattutto mancano all’appello tutti i componenti più costosi di tutto il progetto che ancora non ci risultano essere stati ordinati (nonostante Michał Futro dichiari sempre il falso).

Ci lamentiamo nuovamente e Michał Futro dichiara che in un mese di lavoro potrà finire tutto.

Passato il natale Michał Futro sparisce completamente e evita di rispondere alle nostre chiamate. Dopo differenti tentativi non andati a buon fine, contattiamo un altro cliente che ha la macchina presso di loro e ci confrontiamo con lui rispetto ai ritardi e al comportamento di Michał Futro. Tramite questo cliente, otteniamo il numero di uno dei dipendenti di Villa Truck Adventure e chiediamo loro spiegazioni. Ci comunicano che Michał Futro non si presenta a lavoro da diverso tempo e che per problemi personali è impossibilitato a lavorare.

Relazionandoci con questa persona all’interno di Villa Truck Adventure capiamo che mancano ancora moltissimi componenti per ultimare il mezzo e che senza di loro e il loro montaggio non si può più procedere ad ulteriori lavori.

Da fine Dicembre2022 a Marzo 2023 Michał Futro sparisce senza dare alcuna spiegazione e non risponde piu a nessun sollecito da parte nostra.

In data 9 marzo scopriamo che Michał Futro ha cambiato numero di telefono e una volta ottenuto lo contattiamo direttamente. In questa fase comunichiamo chiaramente il tipo di situazione in cui ci ha messo e gli chiariamo il fatto che il suo comportamento oltre ad esser irrispettoso è non professionale. Gli spieghiamo che siamo a conoscenza di tutte le falsità che ci ha comunicato e che visto la sua impossibilità a comunicare correttamente e a lavorare al nostro progetto, procederemo a fargli una causa legale per tutti i comportamento scorretti che ha tenuto nei nostri confronti.

Il 27 marzo 2023 decidiamo di partire in macchina e andare subito nella sede di Adventure Truck/Villa Truck Adventure e ci presentiamo di sorpresa. La sede presso Chemików 9, 62-030 Luboń, Polonia si presenta vuota e ci comunicano che si sono spostati presso Topolowa 3C, 62-030 Luboń.

Troviamo il nostro camion parcheggiato in una sorta di discarica ai margini della nuova sede, con neve e acqua che si infiltrava all’interno (non erano presenti le serrature e il passaggio cellula cabina era completamente aperto). Il mezzo non si accende (e dopo 3 mesi risolvo il problema in autonomia, causato da un errato montaggio dei cablaggi elettrici), gli impianti non ci sono e mancano all’appello 54.000 euro di lavori (certificati da lui e dal padre dopo aver spuntato pezzo per pezzo ogni lavoro che doveva essere concluso a quel punto).

Discutiamo per diverse ore in uno sgabuzzino e dopo averlo allertato di procedere con una causa penale per truffa, ci propone di vivere nel “suo” Iveco 4×4 camper e di seguire i lavori passo passo fino alla loro conclusione (stimata in 1 mese, massimo 1 mese e mezzo). Attenzione a questo passaggio, perchè nella sua mente va raccontando che ci ha offerto la sua casa e le sue cose, come se fosse un grande benefattore e vorrei ricordargli che è stata l’unica mossa intelligente che ha fatto, perchè oggi noi non avremmo il camper ma lui sarebbe in grandi guai giudiziari… quindi se qualcuno ha aiutato e salvato qualcun altro, questi siamo noi! Insieme al padre (così hai coinvolto legalmente anche lui), hai promesso di finire tutti i lavori in un mese e mezzo ma siamo stati costretti ad aspettare 11 mesi.

11 mesi di follia e agonia, dove abbiamo assistito a scene incredibili e fuori da ogni raziocinio:

  • Fornitori non pagati, che ci contattavano per sollecitare i pagamenti di Adventure Truck, Villa Truck Adventure o Michał Futro.
  • Dipendenti non pagati e cacciati da un giorno all’altro perchè non in accordo con Michał Futro
  • Dipendenti maltrattati per la poca competenza, dopo che li aveva assunti Michał Futro e non li affiancava mai nel lavoro
  • I mezzi dei clienti abbandonati alle intemperie senza nessun tipo di cura
  • Il proprietario dell’immobile che stacca la corrente elettrica per i mancati pagamenti e Michał Futro che usa un generatore elettrico per lavorare
  • Michał Futro che taglia le colonne portanti che sorreggono il tetto dell’edificio per far entrare i mezzi all’interno dell’officina
  • Michał Futro che acquista un mezzo da rivendere con chassis spezzato in due (senza accorgersene)
  • Il cane di proprietà di Michał Futro che caca continuamente in officina perchè non è mai portato fuori per una passeggiata
  • La Polizia che sequestra l’Iveco Eurocargo 4×4 dove vivevamo perchè non di sua proprietà e sottratto al legittimo proprietario (ex compagna)
  • Ispettore del lavoro mandato dai suoi ex dipendenti
  • Il magazzino e la stanza dei dipendenti inondato da liquami che arrivano dalla fossa biologica lasciato al suo destino
  • Michał Futro mente al fornitore delle batterie dicendo che non lo pagava perchè “il cliente non mi paga”

Dopo tutto questo periodo, con ritardi infinti, diverse rinunce, arriviamo a metà dicembre con la speranza di poter finalmente uscire da questa situazione. Chiediamo a Michał Futro di fare un riepilogo dei conti e di andare in pesa per verificare di essere nei parametri di legge. Appena usciti dal cantiere, Michał Futro si mette alla guida per testare il mezzo e senza preoccuparsi degli oggetti al suo interno, distrugge il piano ad induzione facendo volare tutto quello che era nel camion. Andiamo in pesa senza i serbatoi pieni e siamo già a 7800kg di peso con almeno 500kg di liquidi da poter caricare.

Dal suo punto di vista: tutto regolare! Dichiara: “è una cosa personale il peso”… No, Michał Futro! E’ la legge e tu non hai idea di cosa stiamo parlando!

Il peso è fuori legge, la barra paraincastro che hai montato è in una misura fuori legge, il porta bici che ci hai costruito è fuori legge, il paraurti che ci hai costruito è fuori legge, i sedili che ci hai venduto sono fuori legge, i box sotto i sedili sono fuori legge, le luci led che ci hai montato sono fuori legge, le luci di ingombro che ci hai montato sono fuori legge, i montati del porta pacchi sono fuori legge… ma tu della legge, non hai idea e ti vendi come un grande esperto del settore. Ti ho anche fornito il documento ufficiale con tutte le normative al quale dovevi fare riferimento, ma tu te ne sei fregato e con la tua aria di superiorità hai sempre risposto: io ho fatto tanti mezzi e non ci sono problemi…. Beh ora lo possiamo dire perchè abbiamo parlato con tantissimi dei tuoi vecchi clienti e gli errori che fai sono sempre gli stessi. Non impari mai dagli errori e non ascolti mai le persone perchè ti senti superiore e al di sopra della legge!

Questi sono i fatti. Io spero sinceramente che non lavorerai più (devi fare il dipendente e non l’imprenditore). Ci sono tante persone che stanno soffrendo dopo mesi o anni di lavori incompiuti o problemi… Fermati un attimo, fatti un analisi di coscienza e guardati allo specchio, il catarro non mancherà!

p.s. Ricordo a te e a tutte le persone che ti stanno intorno che eventuali patologie mentali (bipolarismo o depressione) non vanno usate mai come scuse o giustificazioni. Nutro grande rispetto per chi combatte con questi tunnel della vita, ma ciò non giustifica assolutamente il tuo modo di trattare persone e clienti.