L’esperienza estiva tra le montagne Italiane ha confermato l’esigenza di dover riscaldare la tenda per le notti di campeggio libero. avevo acquistato un Webasto cinese qualche mese fa ma non avevo mai avuto modo di testarlo, prima di procedere con il montaggio.

Negli ultimi giorni mi sono convinto ad effettuare qualche prova sul Cinebasto (come molti lo chiamano), soprattutto per capirne i consumi e avere la certezza di aver trovato il modello corretto per le nostre esigenze.

Il modello che ho comprato su amazon ha una potenza riscaldante di 2KW ma ho capito che esistono centinaia di variabili che posso caratterizzare il prodotto. Certamente la potenza riscaldante è un valore assoluto importante per comprendere quanto calore sarà in grado di produrre, ma non è il solo parametro da tenere sott’occhio. Gli accessori sono molto importanti così come il display digitale, il telecomando wireless o l’eventuale termostato.

Il modello che ho acquistato ha solo la possibilità di essere acceso o spento e di regolare una potenza variabile tra i 0.5KW e i 3KW (e già ho qualche dubbio visto che doveva essere da 2KW). Nonostante le istruzioni al suo interno parlassero di programmazione  e termostato, nulla di tutto questo è presente.

Ma vediamo come sono andati i test. Prima di mettermi sul fuoristrada un apparecchio del genere vorrei essere sicuro al 100% di quello che sto utilizzando. Insomma, voglio dormire caldo ma anche tranquillo!

Per prima cosa ho effettuato i collegamenti elettrici e ho utilizzato una piccola tanichetta contenente Diesel per l’alimentazione. Per monitorare i consumi ho utilizzato il BVM 700 della Victron con uno shunt in grado di avere un valore in tempo reale di tutti gli assorbimenti.

Questi i valori dichiarati dal costruttore: Consumo di carburante: 0,12 l/h~ 0,24 l/h – Consumo energetico nominale: 14 ~ 29 W.

Da notare subito che i consumi sono alti alla partenza del bruciatore (circa 130W) e poi si stabilizzano e rimangono costanti durante il funzionamento. Il consumo elettrico con una potenza di 0.5KW è stato di circa 9W mentre alla massima potenza di 3KW il consumo è stato costantemente intorno ai 25W. Anche la fase di spegnimento del riscaldatore richiede un assorbimento piuttosto alto (90W) per la fase di pulizia e spurgo. Tutto sommato comunque i picchi di consumo di accensione e spegnimento durano circa 2 minuti l’uno e quindi influiscono molto poco sui consumi totali.

CONCLUSIONI

E’ assolutamente convincente la potenza riscaldante di questo oggetto ed è certamente un ottima soluzione low cost per la propria tenda o per il proprio camper o roulotte. Solamente iniziando ad usarlo in modo intensivo, potrei valutare la sua stabilità e durata nel tempo e soprattutto se il dimensionamento della potenza è corretto per le nostre esigenze. Un tenda Overland Medium di AutoHome è forse anche troppo piccola per la quantità di calore che produce questo apparecchio. Di contro però, i pochi accessori o optional del modello che ho acquistato, mi fanno pensare di aver fatto una scelta poco ponderata. Per le modalità di uso sarebbe stato molto meglio avere un telecomando wireless e magari un termostato in grado di spegnere o ridurre la potenza ad ottenimento di una temperatura preimpostata. I consumi sono stati confermati è sono tutto sommato buoni. Sempre molto importante dimensionare la parte elettrica in modo corretto per non svegliarsi al freddo di notte e con la batteria completamente a terra! Essenziale è diversificare l’impianto elettrico del motore rispetto a quello dei servizi in modo da poter in ogni caso ripartire dopo una notte insonne per il freddo.